Boris Johnson Ben Pruchnie/Getty Images

L’ascesa della democrazia demotica in Europa

LONDRA – Lo shock del voto britannico a favore dell’uscita dall'Unione europea non è stato ancora digerito, ma i leader europei devono già prepararsi per affrontare quello che seguirà. La Brexit, infatti, potrebbe essere solo la scossa iniziale che innescherà uno tsunami di referendum in Europa nei prossimi anni.

In tutta Europa ci sono 47 partiti ribelli che stanno sconvolgendo il panorama politico, ottenendo il controllo dell’agenda politica, modellandola in base ai propri interessi e conquistando sempre più potere. In un terzo degli stati membri dell’Ue, questi partiti fanno parte di governi di coalizione, e il loro successo ha spinto i partiti tradizionali ad adottare alcune delle loro posizioni.  

Sebbene questi partiti abbiano radici molto diverse, tutti hanno un elemento in comune, cioè la volontà di sbaragliare il consenso sulla politica estera che caratterizza l’Europa da decenni. Sono euroscettici, contrari alla Nato, vogliono chiudere le frontiere e porre fine al libero commercio. Stanno cambiando il volto della politica, sostituendo le tradizionali battaglie fra destra e sinistra con scontri che mettono a confronto il proprio rabbioso campanilismo con il cosmopolitismo delle élite che disprezzano.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/1RdxZvu/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.