John Boehner Pete Marovich/ZUMAPRESS

Effetto Boehner

WASHINGTON, DC – Da quando è scoppiata la crisi finanziaria nel 2008, organi di stampa ed esperti sono concentrati sugli shock negativi che potrebbero colpire l'economia globale nel tentativo di anticiparli. Oggi l'attenzione è tutta rivolta allo stato dell'economia cinese, alla tempistica della normalizzazione dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve e alle varie politiche discusse nell'ambito della campagna per le presidenziali americane.

Ma gli shock più dannosi spesso si celano sotto il nostro naso per poi colpire esattamente dove e quando quasi tutti pensano che sarà la stabilità a prevalere. Tra questi, vi è il rischio che la faziosità politica possa dissestare ulteriormente le finanze del governo statunitense, indebolendo l'economia americana e turbando i mercati finanziari mondiali.

Questo avvertimento potrebbe suonare strano, dopotutto l'ultima grande battaglia (nel 2013) sui finanziamenti al governo e sull'innalzamento del limite del debito ha portato scarsi risultati ai repubblicani che l'hanno istigata, al di là di un notevole danno alla loro reputazione di responsabili. Inoltre, l'attuale leadership repubblicana, desiderosa di aumentare le chance elettorali del proprio partito in vista del 2016, vuole a tutti i costi dare un'immagine di equilibrato buon senso.   

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/m10Pxfq/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.