3

La Posta in Gioco Globale della Riforma Anti-Corruzione della Cina

STANFORD – Il recente processo di Bo Xilai ha evidenziato la più grande sfida per la Cina contemporanea: la corruzione e abuso di potere da parte di alcuni funzionari di governo e di partito. Fino alla sua caduta, Bo, un ex membro del Politburo e il leader del partito di Chongqing, una megalopoli di 30 milioni di persone, era un potenziale candidato per il Comitato permanente del Politburo, formato da sette membri, una delle istituzioni centrali nell’amministrazione cinese.

Il processo di Bo si è verificato in quello che è un momento critico per la Cina. milioni di cinesi, che normalmente vivono nelle campagne, annualmente si riversano nelle città del paese in cerca di occupazione, ma la crescita della Cina, normalmente trainata dalle esportazioni, che in precedenza aveva mascherato i costi macroeconomici della corruzione e dell’eccessivo intervento dello Stato, sta rallentando. Nel momento in cui la Cina entra in un’era di crescita più modesta in mezzo a una maggiore concorrenza da parte di altri paesi a basso costo, questo danno sarà sempre più evidente - e sempre più distruttivo.

Una Cina economicamente di successo è più probabile che sia stabile e geopoliticamente costruttiva; una Cina afflitta da gravi problemi economici lo sarebbe molto meno, ed essendo la prima volta in assoluto che un’economia in via di sviluppo diventa una potenza mondiale, potrebbe anche diventare una fonte di rischio sistemico. L’assemblaggio cinese della produzione è parte integrante di catene di fornitura globali per molti prodotti. Inoltre, la Cina è il più grande detentore di titoli del Tesoro degli Stati Uniti (a parte la Federal Reserve), ha partecipazioni in euro importanti, rischia presto di diventare il più grande partner commerciale degli Stati Uniti, ed è intessuta nel commercio di molte economie europee e asiatiche.

Alcune ricerche rivelano che un forte rispetto dei diritti di proprietà e dei regimi fiscali e di regolamentazione stabili, prevedibili, e senza possibilità di confisca sono essenziali per avere un lungo periodo di prosperità economica. La chiave per riformare la Cina, e ciò che i cinesi vogliono di più, è quello definito da John Adams come il "governo delle leggi, non gli uomini" - un'amministrazione equa basata su leggi ragionevoli, non su favori speciali per i pochi ammanicati. Infatti, il ministro delle Finanze Lou Jiwei ha fatto eco ad Adams (e ad Adam Smith) quando ha proclamato: "... le risorse dovrebbero essere assegnate attraverso i prezzi ed i mercati, non i funzionari di governo."