L’alimentazione nell’era dei biocarburanti

ROMA – Negli ultimi anni, i biocarburanti sono diventati il pomo della discordia. Per qualche motivo, una fonte di energia rinnovabile prodotta da materiale organico equivale a una bacchetta magica nella lotta contro il cambiamento climatico. Ma altri vedono i biocarburanti come una minaccia esistenziale, dal momento che le piante usate per crearle si contendono il terreno agricolo e l’acqua che in caso contrario sarebbero utilizzati per far crescere gli alimenti. 

Tuttavia si tratta di una falsa dicotomia. La scelta non può essere tra il cibo e il carburante. Possiamo fare buon uso di entrambi. Se sussistono le condizioni giuste, i biocarburanti possono diventare dei mezzi efficienti per aumentare la sicurezza sul cibo fornendo agli agricoltori poveri una fonte di energia sostenibile e conveniente.

In alcuni Paesi dell’Africa senza sbocchi sul mare, la benzina costa tre volte la media globale, rendendo i prezzi del carburante una delle principali barriere alla crescita agricola. Estendere l’uso di biocarburanti in queste regioni potrebbe dare impulso alla produttività e creare nuovi posti di lavoro, specialmente nelle zone rurali. L’effetto può essere anche maggiore se la domanda aggiuntiva di materie prime create da biocarburanti è stata soddisfatta da imprese agricole a conduzione familiare e da produttori su piccola scala.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/ookc9Q4/it;

Handpicked to read next