Una nuova prospettiva per il futuro urbanistico della Cina

PECHINO – Circa 100 milioni di cinesi vivono in condizioni di povertà estrema, mentre 275 milioni spendono meno di 2 dollari al giorno. La stragrande maggioranza dei poveri in Cina vive nelle aree rurali, mentre, per la maggior parte, la speranza di una vita migliore risiede nelle città dove è più facile trovare posti di lavoro con uno stipendio migliore. Negli ultimi trent’anni, mezzo miliardo di cinesi si è già trasferito nelle città aumentando la percentuale urbana della popolazione da meno del 20% registrato nel 1980 a circa il 50%. Secondo le stime, entro il 2030, il 70% dei cinesi vivrà nelle città.

Il processo di urbanizzazione della Cina ha senza dubbio sostenuto la crescita sorprendente del paese e la sua trasformazione economica. Le sue città hanno fornito terreni a buon prezzo e una consistente forza lavoro, mentre le amministrazioni locali si sono impegnate ad attirare gli investimenti e a creare posti di lavoro.

Tuttavia, iniziano ad emergere delle difficoltà. Il modello di crescita cinese, sostenuto principalmente dagli investimenti e dalle esportazioni, si sta esaurendo. L’espansione urbana e la congestione stanno aumentando creando tensioni tra gli agricoltori che non si sentono compensati in modo adeguato per la perdita del proprio terreno; una fonte essenziale del debito delle amministrazioni locali (che è ora pari al 30% del PIL).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/2fD4oMc/it;