Paul Lachine

Banche senza confini

FRANCOFORTE – All’apice della crisi finanziaria nel 2008-2009 sembrava che le banche occidentali avessero deciso di ritirarsi dall’estero e di tornare a casa, lasciando i mercati finanziari fortemente frammentati a livello nazionale. Ma come indica un nuovo report rilasciato dalla Deutsche Bank Research, le attività oltrefrontiera delle banche, siano esse dirette o indirette (filiali o controllate), si sono ampiamente stabilizzate.

Durante la crisi, il livello di attività bancaria ha registrato una flessione particolarmente significativa nelle aree con grande impiego di capitale, come la tradizionale attività creditizia destinata al settore privato. L’effetto è stato particolarmente pronunciato nel settore dei prestiti alle società non finanziarie, mentre l’espansione dei prestiti alle famiglie – un’area con un’internazionalizzazione solitamente bassa – è rimasta più sostenuta.

Il calo è in parte riconducibile alla maggiore quantità di debito pubblico estero rispetto al debito privato. Prima della crisi, le banche si occupavano spesso della vendita di bond governativi esteri, ma nel biennio 2008-2009 hanno notevolmente incrementato l’acquisto di tali titoli di Stato. Con la crisi del debito sovrano europeo scoppiata nel 2010, la fame bancaria di debito pubblico ha nuovamente registrato una flessione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/Jfuaa0t/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.