Mark Carney Andrew Parsons/ZumaPress

I segreti delle banche centrali

LONDRA – Nel 1993, gli economisti Alberto Alesina e Larry Summers hanno pubblicato un articolo influente nel quale sostenevano che l'indipendenza della banca centrale tiene sotto controllo l'inflazione, senza conseguenze negative per la performance economica. Da allora, i Paesi di tutto il mondo hanno reso indipendenti le loro banche centrali. Nessuno ha invertito la rotta, e qualsiasi accenno al fatto che i governi potrebbero riaffermare il controllo politico sui tassi di interesse, come è avvenuto di recente in India, si è scontrato con l'allarme nei mercati finanziari e l’indignazione tra gli economisti.

In realtà, tuttavia, ci sono molti gradi di indipendenza, e non tutte le banche centrali cosiddette indipendenti funzionano allo stesso modo. Alcune autorità monetarie, come la Banca Centrale Europea, stabiliscono i loro target. Altre, come la Banca d'Inghilterra (BoE), hanno piena indipendenza - il controllo sui tassi di interesse a breve termine - ma devono soddisfare un obiettivo di inflazione fissato dal governo.

Ci sono differenze anche nel modo in cui le banche centrali sono organizzate per raggiungere i loro obiettivi. In Nuova Zelanda, il governatore della banca è l'unico decisore. Alla Federal Reserve, le decisioni sono prese dalla Federal Open Market Committee (FOMC), i cui membri - sette governatori e cinque presidenti delle banche regionali della Fed – godono di vari gradi di indipendenza.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/vSnYcPA/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.