Una crescita austera?

WASHINGTON – La reazione del governo tedesco all’appello del neoeletto Presidente francese François Hollande a favore di politiche orientate alla crescita sta a indicare l’intenzione di non apportare alcun cambiamento ai programmi di austerità nell’eurozona. Le misure di sostegno alla crescita, tra cui ulteriori prestiti da parte della Banca Europea per gli Investimenti o l’emissione di project bond garantiti congiuntamente per finanziare investimenti specifici, potrebbero essere tutt’al più “un’aggiunta” a questi programmi.

Molti sia all’interno che all’esterno della Germania dichiarano che sono necessarie sia austerità che crescita, e che un’enfasi maggiore sulla crescita non dovrebbe per forza implicare una riduzione delle misure di austerità. Il dramma dell’attuale crisi dell’eurozona ha focalizzato l’attenzione sull’Europa, ma è in realtà il modo in cui verrà messo in atto proprio in Europa il dibattito su crescita e austerità ad essere molto più rilevante, persino per gli Stati Uniti.

Bisogna stabilire tre punti fondamentali. Innanzitutto, in un contesto di disoccupazione elevata e di eccesso di capacità, la produzione a breve termine è determinata principalmente dalla domanda e non dall’offerta, Nei paesi membri dell’eurozona, è possibile mantenere solo la politica fiscale a livello nazionale in quanto la Banca Centrale Europea ha il controllo della politica monetaria. E’ vero, pertanto, che una crescita immediata necessita una riduzione più lenta del deficit fiscale.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/sxjYGR2/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.