Un nuovo modello di crescita per l’Asia

MILANO – La percentuale di economia globale concentrata nelle mani dei mercati emergenti (soprattutto asiatici) è cresciuta costantemente negli ultimi decenni. Per i paesi dell’Asia, soprattutto nel caso di Cina e India, che rappresentano i due giganti dell’area, lo sviluppo sostenibile non sarà più una sfida globale, ma una questione nazionale riguardante le strategie di crescita. Questi fatti segnano una profonda trasformazione nella struttura globale delle strategie orientate alla sostenibilità.

Nei prossimi decenni la quasi totalità della crescita mondiale di consumo energetico, urbanizzazione, uso di automobili, viaggi in aereo ed emissioni di carbonio arriverà dalle economie emergenti. Entro la metà del secolo il numero di persone che vivranno in quelle che saranno (per allora) economie ad alto reddito crescerà, passando dal miliardo di oggi a 4,5 miliardi. Nei prossimi 30 anni il Pil globale, che si attesta attualmente a circa 60mila miliardi di dollari, triplicherà.

Se le economie emergenti cercassero di raggiungere i livelli di reddito dei paesi avanzati seguendo grossomodo lo stesso modello dei predecessori, l’impatto sulle risorse naturali e sull’ambiente sarebbe enorme, rischioso e probabilmente disastroso. Uno o più punti critici porterebbero certamente il processo a una brusca frenata. La sicurezza e i costi energetici, la qualità dell’acqua e dell’aria, il clima, gli ecosistemi sulla terra e negli oceani, la sicurezza alimentare sarebbero in pericolo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/JSkX4Xv/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.