Lo scontro finale può attendere

CAMBRIDGE – A cosa andranno incontro le valute mondiali nel 2011? Dopo tre anni di grandi oscillazioni dei tassi di cambio, causati dalla crisi, vale la pena fare il punto della situazione sia sul fronte valute che sul sistema di cambio nel suo complesso. Scommetto che nel nuovo anno assisteremo a un mix di guerre, collassi e caos nel mondo valutario – anche se tutto ciò non si tradurrà nell’interruzione della ripresa economia, né tanto meno nella fine del mondo.

Innanzitutto, dobbiamo riconoscere che il moderno sistema dei tassi di cambio fluttuanti, nel suo complesso, se l’è cavata piuttosto bene. Considerati i complessi fattori di rischio e la preferenza per politiche idiosincratiche, è particolarmente impegnativo intuire la logica che sta alla base delle ampie oscillazioni dei tassi di cambio. Ad esempio, anche se gli Stati Uniti erano il cuore della crisi finanziaria, il dollaro schizzò inizialmente verso l’alto.

Tuttavia, malgrado il misterioso funzionamento dei tassi di cambio, il loro effetto ammortizzante è innegabile. Il forte deprezzamento dell’euro dopo la crisi ha contribuito a sostenere le esportazioni tedesche, mantenendo così a galla l’Eurozona.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/UlKUWog/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.