Una giusta udienza per il debito sovrano

NEW YORK – Lo scorso luglio, quando il giudice federale degli Stati Uniti Thomas Griesa ha deliberato che l’Argentina doveva ripagare completamente i cosiddetti fondi avvoltoio che avevano comprato il suo debito sovrano a prezzi bassissimi, il Paese è stato costretto al default, o meglio al “Griesafault”. La decisione ha avuto ripercussioni in lungo e in largo, interessando obbligazioni emesse in diverse giurisdizioni e mostrando come la corte statunitense ha influenzato i contratti stipulati in altri Paesi.

Da allora, avvocati e economisti hanno provato a sbrogliare le complicate conseguenze della decisione di Griesa. L’autorità delle corti statunitensi si estende davvero al di fuori dei confini americani?

Ora, una corte del Regno Unito ha finalmente chiarito la questione, deliberando che il pagamento degli interessi dell’Argentina sui bond emessi secondo la legge del Regno Unito è soggetto alla normativa britannica, non a quella statunitense. La decisione – una sospensione positiva a una serie di decisioni da parte dei giudici americani che non sembrano cogliere la complessità dei mercati finanziari globali – lancia alcuni messaggi importanti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/4CxLp8k/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.