Violenza e Innovazione

ABU DHABI – Nel film inglese del 1949 “Il Terzo Uomo”, il personaggio Harry Lime osserva che, durante la dominazione della famiglia Borgia nell’Italia del Rinascimento, il paese “ha avuto guerre, terrore, omicidi e spargimenti di sangue. Ma ha espresso Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento”. Al contrario, sostiene, in Svizzera, i cinquecento anni di democrazia e pace hanno prodotto poco più che l’orologio a cucù.

Sebbene l’affermazione implicita che l’innovazione e la creatività nascano solo da situazioni di conflitto sia esagerata all’estremo opposto - in effetti, la Svizzera è uno dei leader mondiali nel campo dell’innovazione - Lime tocca un punto cruciale. Anche se la pace, l’ordine e la stabilità politica sono largamente percepite come condizioni essenziali per l’invenzione, l’imprenditorialità e lo sviluppo economico, ci sono state numerose eccezioni a questa regola - soprattutto quando si tratta di creatività e innovazione.

Gli Stati Uniti si classificano stabilmente tra i primi dieci paesi per il grado d’innovazione, anche in base al Global Innovation Index di INSEAD . Ma, in base al Global Peace Index, si sono classificati all’ottantottesimo posto su 153 paesi. Allo stesso modo, il Regno Unito e l’Olanda si sono classificati, rispettivamente, al quinto e sesto posto relativamente all’Indice di Innovazione, ma solo al ventottesimo e ventinovesimo posto per quanto riguarda l’Indice di Pace. Al contrario, il Bhutan è tra le prime 20 nazioni più tranquille, ma non appare nemmeno nelle classifiche che riguardano l’innovazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/Y936OPr/it;