Free media occupy sejm protest poland NurPhoto

Fiducia nei mercati, sfiducia nel monopolio dei media

LONDRA – La riunione annuale del Forum economico mondiale di Davos di quest’anno è capitata in un momento di grande confusione per le élite del mondo economico e finanziario. Malgrado la netta ripresa dell’economia globale nell’ultimo periodo, infatti, gli elettori hanno espresso attraverso il voto un senso di insofferenza e ribellione nei loro confronti.  

In questi ultimi anni, malgrado si sia spesso posto l’accento sulle sfide e sui punti deboli dell’economia, le buone notizie sono state molte. Dal 2009, globalizzazione e progresso tecnologico hanno sostenuto una crescita annua del Pil pro capite pari al 2,5%, che è più bassa rispetto al periodo precedente la Grande Recessione, ma pur sempre elevata rispetto agli standard storici. Negli ultimi 35 anni, la quota di popolazione mondiale che vive in condizioni di povertà è scesa dal 40% ad appena il 10%. 

Forse il principale motivo di malcontento durante l’anno passato è stato la disuguaglianza, ma anch’essa, almeno a livello globale, è in diminuzione. E anche laddove, come in alcune economie avanzate, si sia registrato un aumento, si tratta di variazioni di poco conto e comunque entro limiti accettabili.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/UABRy2D/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.