Tony Karumba/Stringer/Getty Images

Resistenza antimicrobica, ora o mai più

LONDRA – Diamo spesso per scontato che qualsiasi infezione riscontriamo possa essere curata, e che tutti i moderni e onnipotenti medicinali possano fare esattamente ciò per cui sono stati pensati.

Ma immaginiamo un altro scenario: vi viene diagnostica una malattia infettiva potenzialmente letale che un tempo poteva essere curata in poche settimane o mesi, ma vi viene detto che servirà un trattamento di almeno due anni che prevede mesi di iniezioni giornaliere e qualcosa come 14.000 pastiglie, con gravi effetti collaterali. Fate parte di una “fortunata” minoranza cui è stata diagnosticata la malattia che ha una cura, ma le vostre possibilità di sconfiggere la malattia sono ancora solo 50-50.

La maggior parte di noi non associa questo scenario alla “medicina moderna”, e invece si tratta della tragica realtà che affligge oltre 500.000 persone che soffrono di tubercolosi multiresistente (Mdr-Tb), ossia quando i farmaci perdono efficacia contro nuovi ceppi di infezioni precedentemente trattabili. La tubercolosi è ora la malattia infettiva più mortale del mondo e uccide ben oltre un milione di persone ogni anno, e la Mdr-Tb continua a diffondersi nei paesi a basso e medio reddito mentre i medici fanno di tutto per combatterla.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/CkJWrt5/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.