La scienza sociale della medicina

DAVOS – Quando ero studente di medicina nella metà degli anni ’80, ho contratto la malaria nella Papua Nuova Guinea. E’ stata un’esperienza difficile: mi faceva male la testa, avevo la febbre alta e sono diventato anemico. Ma ho preso un farmaco antimalarico ed ho iniziato a stare meglio. Non è stata una bella esperienza, ma grazie ai farmaci antimalarici, efficaci e a basso costo, non sono mai stato in grave pericolo.

Oggi le compresse con cui mi sono curato (compresse di clorochina) non sono più efficaci. Anche quando le ho prese io, il virus della malaria era già diventato resistente alla clorochina in molte parti del mondo. La Papua Nuova Guinea è stato uno degli ultimi paesi in cui le compresse hanno continuato a funzionare anche se stavano già perdendo efficacia. Oggi, la clorochina è praticamente scomparsa dalla risposta medica.

La crescente capacità degli agenti patogeni di resistere agli antibiotici e ad altri farmaci antimicrobici si sta trasformando in una delle emergenze più grandi del contesto sanitario attuale che non può essere risolta solo dalla scienza.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/qWzXx4w/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.