NVinacco/Flickr

Appello alle armi antimicrobiche

GIACARTA – A dicembre ho reso pubblici i primi risultati dello studio sulla resistenza antimicrobica (Review on Antimicrobial Resistance) di cui sono a capo. Purtroppo non sono buone notizie, infatti le infezioni resistenti stanno già provocando 70.000 decessi all’anno. Se non si agisce in modo repentino, entro il 2050 la resistenza antimicrobica provocherà il decesso di dieci milioni di persone all’anno, ovvero una cifra superiore al numero attuale di decessi per tumore su base annuale. Inoltre, l’effetto della resistenza antimicrobica comporterà un costo cumulativo pari a 100 trilioni di dollari, ovvero superiore ad 1,5 volte il valore dell’attuale PIL globale annuale.

Ciò che si sta facendo per combattere questo pericolo non è affatto sufficiente. Il mondo ha bisogno di nuovi farmaci per rimpiazzare gli antibiotici, i trattamenti antimalarici, le cure retro virali contro l’AIDS e l’HIV e contro la tubercolosi che stanno ormai perdendo la loro efficacia. Per ottenere questi farmaci bisognerebbe tuttavia investire molto di più nella ricerca e nello sviluppo. E’ fondamentale trovare nuove fonti di finanziamento per sostenere i ricercatori accademici e le piccole aziende le cui scoperte gettano le basi per i farmaci del domani.

Ecco perché voglio lanciare un appello ai donatori internazionali (sia filantropici che governativi) affinché collaborino con la Review on Antimicrobial Resistanceper creare un nuovo fondo a sostegno della ricerca e dello sviluppo in quest’area importante. Il fondo potrebbe finanziare le borse di studio a favore della scienza e svolgere il ruolo di incubatore no profit per scoperte promettenti. Nei prossimi mesi la nostra analisi produrrà in dettaglio le modalità operative maggiormente efficaci per questo fondo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/4J2OvwE/it;