Skip to main content

Il consumatore americano non sta bene

NEW HAVEN – I tuttologi si prodigano a parlare di ripresa economica americana. Tutti gli occhi sono puntati sulle famiglie. Grazie alla disoccupazione in calo, ai valori immobiliari in crescita e ai prezzi azionari in rialzo, sempre più esperti, operatori economici e policy maker sono giunti alla conclusione che il consumatore americano sia finalmente tornato.

Non credeteci. Prima di tutto, considerate questi fattori: per oltre 21 trimestri dall’inizio del 2008, i consumi personali reali (depurati dall’inflazione) sono cresciuti a un tasso medio annuo pari appena allo 0,9%. Si tratta senza ombra di dubbio del periodo di debolezza più prolungato mai registrato per i consumi americani dalla fine della seconda guerra mondiale – e un massiccio rallentamento dal passo pre-crisi corrispondente a una crescita annua dei consumi reali pari al 3,6% dal 1996 al 2007.

Con i consumi delle famiglie pari al 70% dell’economia americana, quel divario di 2,7 punti percentuali tra i trend pre-crisi e quelli post-crisi è stato abbastanza per togliere 1,9 punti percentuali dal trend post-crisi relativo alla crescita del Pil reale. La causa è da ricercare nella disoccupazione americana inaccettabilmente elevata.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/E3G7bBw/it;
  1. solana109_robert wallisCorbis via Getty Images_manhittingberlinwall Robert Wallis/Corbis via Getty Images

    The Partial Triumph of 1989

    Javier Solana

    The fall of the Berlin Wall in November 1989 marked the end not of a historical chapter, but of a paragraph. Although capitalism currently has no rival, it has proven its compatibility with illiberal forces.

    0
  2. sachs315_Pablo Rojas MadariagaNurPhoto via Getty Images_chileprotestmanbulletface Pablo Rojas Madariaga/NurPhoto via Getty Images

    Why Rich Cities Rebel

    Jeffrey D. Sachs

    Having lost touch with public sentiment, officials in Paris, Hong Kong, and Santiago failed to anticipate that a seemingly modest policy action (a fuel-tax increase, an extradition bill, and higher metro prices, respectively) would trigger a massive social explosion.

    1

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions