Il consumatore americano non sta bene

NEW HAVEN – I tuttologi si prodigano a parlare di ripresa economica americana. Tutti gli occhi sono puntati sulle famiglie. Grazie alla disoccupazione in calo, ai valori immobiliari in crescita e ai prezzi azionari in rialzo, sempre più esperti, operatori economici e policy maker sono giunti alla conclusione che il consumatore americano sia finalmente tornato.

Non credeteci. Prima di tutto, considerate questi fattori: per oltre 21 trimestri dall’inizio del 2008, i consumi personali reali (depurati dall’inflazione) sono cresciuti a un tasso medio annuo pari appena allo 0,9%. Si tratta senza ombra di dubbio del periodo di debolezza più prolungato mai registrato per i consumi americani dalla fine della seconda guerra mondiale – e un massiccio rallentamento dal passo pre-crisi corrispondente a una crescita annua dei consumi reali pari al 3,6% dal 1996 al 2007.

Con i consumi delle famiglie pari al 70% dell’economia americana, quel divario di 2,7 punti percentuali tra i trend pre-crisi e quelli post-crisi è stato abbastanza per togliere 1,9 punti percentuali dal trend post-crisi relativo alla crescita del Pil reale. La causa è da ricercare nella disoccupazione americana inaccettabilmente elevata.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/E3G7bBw/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.