La rinuncia dell’America al libero scambio

NEW YORK – L’indifferenza e l’apatia di Washington, da parte del Congresso e del Presidente Barack Obama, verso i negoziati del Doha Round, così come l’allarme e la preoccupazione negli altri paesi da parte dei leader di stato per la fiacchezza delle trattative, segnano la fine dell’era post-1945 di leadership americana sul libero scambio multilaterale.

Per quasi un anno ci sono stati segnali evidenti di ansia al di fuori degli Stati Uniti. Il Cancelliere tedesco Angela Merkel ed il Primo Ministro britannico David Cameron sono arrivati addirittura ad appoggiare il Presidente turco Abdullah Gül ed il Presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono nella decisione di nominare me e Peter Sutherland come co-presidenti dell’High-Level Trade Experts Group nel novembre del 2010. A gennaio 2011 si è tenuto un prestigioso panel con questi stessi leader in occasione del quale, durante la presentazione del nostro Interim Report, abbiamo sostenuto in modo incondizionato la necessità di concludere le negoziazioni di Doha. Non abbiamo tuttavia mai ricevuto risposta dal governo statunitense.

A settembre, l’ex Primo Ministro britannico, Gordon Brown, l’ex Primo Ministro spagnolo, Felipe González e l’ex Presidente messicano, Ernesto Zedillo, hanno ricordato ai leader del G-20 che nel novembre del 2009, durante il primo incontro a Londra, si erano “impegnati a… portare a termine il Doha Round entro il 2010”. Due settimane fa si è tenuto invece un altro incontro delle Nazioni Unite sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development Goals). L’obiettivo numero 8 riguarda gli strumenti, tra cui il commercio e gli aiuti, mentre l’8A impegna gli stati membri dell’ONU a “sviluppare ulteriormente un sistema finanziario e di scambio che sia aperto, regolamentato, prevedibile e non discriminatorio.”

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FjBiB27/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.