Le elezioni americane e l’economia globale

STANFORD – Con l’avvicinarsi delle elezioni americane ed il Presidente Barack Obama leggermente in vantaggio rispetto al suo avversario repubblicano, l’ex governatore del Massachusetts Mitt Romney, i sondaggisti continuano a considerare aperta la corsa alla presidenza e al controllo del Senato, mentre la Camera dei Rappresentanti continuerà, molto probabilmente, a rimanere nelle mani dei repubblicani. Le differenze tra i due candidati sono notevoli e senza dubbio cariche di conseguenze per la politica economica americana e l’economia globale, anche se l’implementazione dei programmi dipenderà in ogni caso dalla composizione del Congresso.

Le principali differenze tra i due candidati possono essere riassunte come segue:

Spesa. Obama ha aumentato in modo significativo la spesa. Senza dubbio porterebbe avanti i suoi programmi temporanei (come ha osservato una volta Milton Friedman, “Non c’è niente di più permanente di un programma governativo temporaneo”); raddoppierebbe gli sforzi per fare in modo che sia il governo a scegliere i vincitori e i vinti nel campo dell’energia verde, aumenterebbe la spesa su istruzione e infrastrutture e ridurrebbe invece sostanzialmente la spesa per la difesa.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/bOGR0Yr/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.