Justin Merriman/Stringer

L’America dopo le elezioni

NEW YORK – La campagna presidenziale in corso negli Stati Uniti si sta distinguendo per la mancanza di civiltà e le enormi differenze tra i due candidati: l’imprenditore anti-establishment Donald Trump dalla parte repubblicana e Hillary Clinton, politico forbito, per i democratici. Questa competizione ha evidenziato delle fratture profonde all’interno della società americana e ha danneggiato la reputazione del paese a livello globale. Nessuna è quindi sorprendente che una delle poche cose su cui gli americani sono d’accordo è che questa campagna è andata avanti per troppo tempo. Ma presto finirà e la domanda principale è: cosa verrà dopo?

I sondaggi indicano che Clinton, ex senatrice e Ministro degli esteri, sconfiggerà il controverso Trump. Ma non si devono confondere i sondaggi con la realtà. Dopotutto, rispetto al referendum di giugno sulla Brexit, la maggior parte degli osservatori erano convinti che avrebbe vinto senza dubbio la fazione della “permanenza nell’UE”. Più recentemente poi, gli elettori colombiani hanno rifiutato un accordo di pace che si pensava avrebbe invece avuto grande sostegno popolare.

Tutto ciò è per dire che se da un lato una vittoria della Clinton può essere probabile, non è comunque una certezza. L’unico sondaggio che conta è quello dell’8 novembre, fino ad allora l’unica cosa che si può fare è speculare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/GtCrCzz/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.