Pacific Press/Getty Images

L’AIDS, le malattie comunicabili e l’ABC su come contrastarle

GINEVRA – Le malattie non comunicabili, come gli attacchi di cuore, gli infarti, il diabete e le patologie respiratorie croniche, sono responsabili del 70% dei decessi. Ci sono prove indiscutibili del fatto che l’uso del tabacco, l’inattività, una dieta non salutare e il consumo eccessivo di alcol aumentino le probabilità di una morte prematura causata da una malattia non comunicabile.

Tuttavia, nonostante la diffusa conoscenza dei rischi, l’obesità globale non viene diagnosticata nella maggior parte dei casi, mentre l’uso di tabacco e alcol continua ad aumentare. In questo contesto, le reti delle alleanze contro le malattie comunicabili si sono riunite il 9-11 dicembre in occasione del secondo Forum globale dell’Alleanza contro le malattie non comunicabili negli Emirati Arabi Uniti.

Mentre queste alleanze cercano delle soluzioni per controllare le malattie non comunicabili, dovrebbero trarre ispirazione dal movimento per la lotta contro l’AIDS. Le persone che convivono e sono affette da HIV continuano infatti a guidare gli sforzi verso una risposta efficace e la loro forma particolare di mobilitazione è stata strumentale per i progressi raggiunti. E se da un lato la battaglia non è ancora finita, dall’altro gli attivisti dell’AIDS sanno che può essere vinta.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/MZgCRVn/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.