Aids candle lit memorial Manila NurPhoto/Getty Images

Un Quadro Globale Migliore per Debellare l’AIDS

STOCCOLMA, GINEVRA – Questa settimana, si celebrano gli enormi progressi compiuti nella lotta contro l’HIV e l’AIDS. In molti paesi con forti sistemi sanitari, l’HIV non è più una condanna a morte, ma una condizione cronica. E l’Africa ha raggiunto un traguardo importante: ogni anno, oggi, ci sono più Africani che iniziano a curarsi contro l’HIV rispetto a quelli che ne vengono infettati.

Eppure, anche se ci rallegriamo, dobbiamo al tempo stesso piangere gli 1,1 milioni di persone che quest’anno hanno perso la vita per colpa della malattia. L’HIV infetta ancora 6.000 persone ogni giorno, e in Africa l’AIDS rimane una delle principali cause di morte tra bambini, adolescenti e donne.

Il movimento contro l’AIDS ha incoraggiato tutti noi ad aiutare le persone che continuano a restare indietro, e ad impegnarsi per porre fine all’AIDS una volta per tutte. Per fortuna, abbiamo già il know-how, le risorse, e, soprattutto, la tensione politica per farlo; inoltre, al Meeting di Alto Livello sulla Liberazione dall’AIDS di quest’anno, gli stati membri delle Nazioni Unite hanno assunto impegni ambiziosi che ci porteranno sulla buona strada verso il nostro obiettivo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/UInFwdB/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.