Dopo gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

CAMBRIDGE – Nel 2000, 189 Paesi hanno adottato all'unanimità la Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, che ha definito una serie di obiettivi denominati Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM). Lo scopo è conseguire questi ambiziosi propositi – tra cui, dimezzare la povertà estrema, ridurre il tasso di mortalità materna di tre quarti, raggiungere l’istruzione elementare universale e arrestare e iniziare a ridurre la diffusione dell’HIV/AIDS – entro la fine del 2015. Con l’avvicinarsi della scadenza, gli esperti dello sviluppo si stanno confrontando con un nuovo interrogativo: cosa succederà dopo?

Anche se è praticamente certo che molti degli OSM non saranno raggiunti entro la fine del 2015, va detto che in alcuni settori sono stati ottenuti risultati importanti. Ad esempio, l’obiettivo di dimezzare la povertà estrema (misurata in base al numero di persone che vivono con meno 1,25 dollari al giorno) sarà probabilmente raggiunto in anticipo, soprattutto grazie all’eccezionale crescita della Cina.

Al tempo stesso, nulla sembra sottintendere un rapporto di causa-effetto tra tale fenomeno e gli OSM. La Cina ha attuato una serie di misure politiche che hanno dato vita al più vasto programma di eliminazione della povertà della storia, ancor prima e a prescindere dalla Dichiarazione del Millennio e dagli OSM.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/bafjbWR/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.