La finanza dopo il periodo aureo

LONDRA – Nonostante l’attuazione della nuova regolamentazione finanziaria negli Stati Uniti (la legge Dodd-Frank) e la pubblicazione dei nuovi requisiti di capitale della Commissione di Basilea, le prospettive del settore finanziario per i prossimi anni restano altamente incerte. C’è stata, certamente, una ripresa delle quotazioni bancarie rispetto ai ribassi del 2008, ma recentemente quella corsa ha vacillato. A prescindere dalle preoccupazioni sulla solidità del rimbalzo economico, gli investitori sono incerti sui modelli di business delle numerose società finanziarie e su dimensione, struttura e redditività futura del settore finanziario in generale.

Dopotutto, le banche restano profondamente impopolari in tutti i paesi sviluppati. I banchieri sono ancora dei paria, poiché scarsamente stimati dal pubblico al pari degli spacciatori di droga o dei giornalisti. Vengono oltraggiati se perdono denaro e assaliti se fanno molti soldi. Per le banche e i loro azionisti, sembra un testa o croce, dove testa (le banche) vince e croce (noi azionisti) perde. Dato che le banche tornano a essere redditizie, i politici in Nord America e Europa hanno, infatti, ripreso a parlare di nuove tasse che rimuoverebbero quei profitti a beneficio dei contribuenti, il cui supporto ha tenuto in vita le banche all’apice della crisi.

Questo è fortemente in contrasto con la posizione del settore finanziario nei tre decenni precedenti. Dalla fine degli anni ’70 fino al 2007, il settore finanziario è cresciuto più rapidamente dell’economia reale. Nel 1980 gli strumenti finanziari – azioni, obbligazioni e depositi bancari – costituivano circa il 100% del PIL nelle economie avanzate. Nel 2007 rappresentavano oltre il 400% negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Giappone.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/faW7jQt/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.