Moment of silence in France after Paris attacks. Tolga Akmen/London News Pictures via ZUMA Wire

Dopo Parigi

NEW YORK – Gli attacchi avvenuti a Parigi da parte di individui associati allo Stato islamico, che seguono a ruota le bombe di Beirut e l’abbattimento di un aereo russo sulla penisola del Sinai, rafforzano la realtà che la minaccia terrorista è entrata in una nuova e molto più pericolosa fase. Il motivo per cui lo Stato islamico ha deciso di organizzare i suoi attacchi ora è una questione di congetture; potrebbe darsi che sta diventando globale per compensare la sua recente perdita di territorio in Iraq. Ma qualunque sia la ragione, quello che è certo è che una risposta chiara è giustificata.

In realtà, la sfida posta dallo Stato islamico richiede diverse risposte, dal momento che non c’è una politica unica che promette di essere sufficiente. Sono necessari molteplici sforzi in molteplici ambiti.

Uno è militare. Attacchi aerei più intensi contro gli obiettivi militari dello Stato islamico, gli impianti petroliferi e di gas e i leader sono di cruciale importanza. Ma nessuna quantità di potere aereo da sola permetterà di completare il lavoro. Una sostanziale componente di terra è necessaria se il territorio deve essere preso e mantenuto.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/7yhwSLZ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.