Indipendenza dei Programmi di Immunizzazione

WASHINGTON, DC – I primi anni di questo secolo sono stati esaltanti per la sanità mondiale. I donatori internazionali – siano essi governi nazionali, come gli Stati Uniti, attraverso il programma PEPFAR, oppure nuove iniziative di finanziamento internazionali come il Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria, o la Gavi, l’Alleanza per Vaccini – hanno investito miliardi di dollari in programmi nazionali di controllo delle malattie e nei sistemi sanitari, salvando milioni di vite.

Ma, oggi, alcuni dei paesi che hanno beneficiato di questi programmi affrontano una nuova sfida: mantenere i vantaggi acquisiti una volta che il supporto esterno viene revocato. In definitiva, è sulla base di questa transizione – e rispetto al complessivo sistema degli aiuti sanitari – che saranno giudicate le iniziative dei donatori.

Si consideri Gavi, l’Alleanza per i Vaccini. Fondata nel 2000 da una partnership di importanti donatori, agenzie internazionali ed industrie di vaccini leader di settore, l’obiettivo di Gavi è quello di aiutare i paesi più poveri del mondo ad introdurre nuovi vaccini salvavita e a rafforzare i loro programmi di immunizzazione. Quando il reddito annuo pro capite di un paese sale al di sopra di una determinata soglia – attualmente 1.580 dollari – il paese diventa ineleggibile per il sostegno di Gavi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/8xrZgc3/it;

Handpicked to read next