Students work at a laboratory at the Catholic University of Graben in Butembo EDUARDO SOTERAS/AFP/Getty Images

Rafforzare la scienza africana

URBANA, ILLINOIS – Alla fine di marzo, i leader africani nel campo della scienza, dell’innovazione e della politica si sono dati appuntamento a Kigali, Ruanda, per un brainstorming di soluzioni a un problema sempre più pressante: la bassa qualità della scienza nel continente.

Qualsiasi buon leader sa che la scoperta scientifica e l’innovazione alimentano il progresso, agevolano lo sviluppo e può contribuire ad affrontare tematiche come l’insicurezza alimentare, le carenze idriche e il cambiamento climatico. Eppure, la maggior parte dei governi africani non finanziano adeguatamente ricerca e sviluppo nei rispettivi paesi. Secondo l’Istituto di statistica dell’UNESCO, i paesi nell’Africa sub-sahariana spendono, in media, solo lo 0,5% del Pil in ricerca e sviluppo. In Occidente, la percentuale sfiora il 3%.

Questa disparità sottolinea le sfide sul fronte dello sviluppo cui devono far fronte gli africani. L’Africa ospita il 15% della popolazione mondiale e rappresenta il 5% del suo Pil, ma rappresenta un misero 1,3% della spesa totale in ricerca. Inoltre, gli inventori africani detengono appena lo 0,1% dei brevetti mondiali, il che significa che anche quando il denaro è speso in scienza, innovazione e ricerca, le scoperte raramente si traducono in soluzioni per le sfide più immediate del continente.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/BxZDkQb/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.