Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

Tax preparation AgriLife Today/Flickr

Sconfitta per la Cooperazione Fiscale Internazionale

NEW YORK – La maggior parte dei governi del mondo – desiderosi di mobilitare maggiori entrate fiscali per finanziare lo sviluppo e limitare i meccanismi pervasivi di evasione, quali quelli rilevati nello scandalo noto come Luxembourg Leaks dello scorso anno – hanno interesse a collaborare in materia di fiscalità. Eppure, alla Terza Conferenza Internazionale sui Finanziamenti per lo Sviluppo, tenutasi ad Addis Abeba lo scorso mese, lo slancio verso un rafforzamento della cooperazione fiscale internazionale ha subito un brusco arresto.

Nell’ambito della conferenza, i paesi sviluppati hanno bloccato una proposta per l’istituzione di un organismo fiscale intergovernativo all’interno delle Nazioni Unite, teso a sostituire l’attuale Comitato di Esperti. Questi paesi insistono sul fatto che la cooperazione fiscale dovrebbe avvenire esclusivamente sotto la guida dell’OCSE, un’istituzione che essi controllano.

Il resto del mondo dovrebbe augurarsi che questa si riveli una pausa piuttosto che una conclusione degli avanzamenti in materia di cooperazione fiscale internazionale, che ha avuto inizio 13 anni fa, in occasione della prima Conferenza Internazionale sui Finanziamenti per lo Sviluppo di Monterrey, in Messico. Due anni dopo, nel 2004, il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) ha potenziato il proprio “gruppo ad hoc” di esperti fiscali con una commissione permanente. Ciò significava che gli esperti si sarebbero potuti riunire regolarmente con un mandato più ampio, che andava oltre il semplice aggiornamento del modello a doppia imposizione.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/UFkLmcIit;
  1. bildt71_HOW HWEE YOUNGAFP via Getty Images_vonderleyenchinaarmy How Hwee Young/AFP via Getty Images

    Which Way for Europe on China?

    Carl Bildt

    Under its new leadership, the European Union has promised to step up its engagement on the world stage to ensure that it does not become a pawn in an escalating Sino-American great-power rivalry. To succeed, it will have to strike a careful balance between economic priorities and its own security.

    7
  2. wei22_FABRICE COFFRINIAFP via Getty Images_WTOredlight Fabrice Coffrini/AFP via Getty Images

    How to Revive the WTO

    Shang-Jin Wei & Xinding Yu

    The World Trade Organization’s appellate body is under threat not from China, but from the United States, which is blocking the appointment of new judges to the panel. Reviving the WTO will require changes to the organization's rules – but killing its dispute-settlement system is not the solution.

    1