Un mondo con molteplici valute di riserva

BERKELEY – La competizione per ottenere lo status di valuta di riserva è normalmente dipinta come un gioco in cui si vince tutto o niente. In quest’ottica, c’è spazio solo per una valuta internazionale vera e propria. L’unica incognita è quale sarà la valuta nazionale ad impossessarsi del titolo.

Si sostiene che sia la disciplina di mercato a imporre questo risultato. Per gli importatori e gli esportatori, esprimere i prezzi nella stessa valuta (per esempio, il dollaro) degli altri importatori ed esportatori evita di confondere i clienti. Per le banche centrali, detenere riserve nella stessa valuta delle altre banche centrali significa poter disporre dell’asset più liquido. Per chiunque altro compri, venda o detenga dollari, è conveniente fare lo stesso, dato che i mercati di titoli denominati in dollari saranno i più dinamici.

Mentre è sempre possibile che ci sia un punto critico oltre il quale tutti migrano da una valuta a un’altra, la natura interconnessa del sistema finanziario internazionale, si dice, fa sì che ci sia spazio per una sola vera valuta internazionale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/STsRKTS/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.