Una nuova via verso un’economia a basso tenore di carbonio

NEW YORK – La soluzione per il cambiamento climatico prodotto dall’uomo dipende essenzialmente dalla transizione alla produzione di energia elettrica che, a differenza della bruciatura del petrolio, del gas naturale e del carbone, comporta una produzione minima se non nulla di diossido di carbonio, il principale gas serra responsabile del riscaldamento globale. La produzione d’elettricità a basso tenore di carbonio può avvenire tramite energia solare, nucleare ed eolica o attraverso la bruciatura del carbone negli impianti, che permette di catturare ed immagazzinare le emissioni di CO2.

Il problema legato alla politica del cambiamento climatico è relativamente semplice. Il carbone è non solo la risorsa energetica più economica grazie alla sua abbondante riserva, ma è anche il più facile da utilizzare di tutte le energie alternative, in particolar modo rispetto all’energia solare ed eolica, in quanto è in grado di produrre elettricità 24 ore su 24 senza dipendere dalle condizioni atmosferiche.

Per salvare il pianeta dobbiamo spingere i produttori di energia ad adottare fonti di energia a basso tenore di carbonio, sebbene il carbone sia non solo più facilmente utilizzabile ma abbia anche costi molto ridotti. La via più ovvia è quella di mettere un’imposta sul carbone o imporre agli impianti energetici di doversi munire di permessi per l’utilizzo del carbonio e definire una tassa o un permesso abbastanza elevato da indurre lo spostamento verso energie alternative a basso tenore di carbonio.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/uvISZoN/it;