La cura francese per il problema delle risorse naturali

NEW YORK – La campagna volta a garantire la trasparenza dei pagamenti, che le compagnie coinvolte in attività estrattive versano ai paesi “ospiti”, sta guadagnando terreno. La Francia è alla guida di questo progetto; il presidente francese Nicolas Sarkozy dovrebbe ricevere un plauso per aver sostenuto questa nuova iniziativa che promuove severi standard in termini di trasparenza per le compagnie, quotate nelle borse europee, che si occupano di estrazione di petrolio, gas e altri minerali.

La Francia, paese cardine dell’Unione europea e quest’anno membro di turno per la presidenza del G8 e del G20, è nella posizione migliore per incoraggiare un tale intervento. Grazie alla leadership francese il 2011 potrebbe essere l’occasione d’oro per i più importanti mercati di capitale affinché adottino regole chiare e precise finalizzate a garantire la piena trasparenza finanziaria da parte delle società del comparto estrattivo nei confronti delle autorità governative.

Petrolio, gas e minerali fanno confluire ogni anno miliardi di dollari nelle casse di governi e società. Inoltre, tali settori rivestono spesso un ruolo centrale nello sviluppo economico di paesi ricchi di risorse naturali. Eppure, malgrado l’enorme ricchezza naturale, troppe persone in questi paesi vivono in povertà.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/YC48xjv/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.