Wednesday, November 26, 2014
0

Il futuro nascosto dell’economia statunitense

CAMBRIDGE – Fino a che punto sono tetre le prospettive per l’economia degli Stati Uniti? Sembra impossibile riuscire a capirlo dalle previsioni.

Di questi tempi è facile trovare previsioni che diano il tasso di crescita economica degli Stati Uniti per l’anno prossimo al 3%. Ma cosa significa in realtà?

Gli analisti economici non affermano mai con certezza che la crescita sarà del 3%, dato che tutti riconoscono che il tasso di crescita reale può sempre essere superiore o inferiore alla percentuale indicata. Esiste, infatti, una distribuzione del possibile tasso di crescita, di cui ci viene data una delle opzioni disponibili.

Quindi, se un’analista economico “sostiene” che ci si debba aspettare un tasso di crescita pari al 3%, vuole dire, in realtà, che il tasso potrebbe essere sia superiore che inferiore al 3%, indicandoci, di conseguenza, ciò che lui stima essere la percentuale media della distribuzione del possibile tasso di crescita? Oppure vuole invece dire che il tasso più probabile si avvicina al 3% (il valore modale), anche se in realtà secondo lui la percentuale reale sarà, con molta più probabilità, inferiore invece che superiore al valore medio?

Molti analisti oggi credono che vi sia un’alta probabilità che l’economia possa entrare nei prossimi dodici mesi in un periodo di recessione. Una seconda recessione, quindi, all’interno del processo di espansione. Pur ritenendo possibile questa prospettiva, gli stessi analisti indicano comunque che per i prossimi dodici mesi la percentuale più probabile, o il valore modale della distribuzione del possibile tasso di crescita, sarà intorno al 2%.

Qualsiasi decision maker che faccia affidamento sulle previsioni, che si tratti di uomini d’affari, investitori o funzionari di governo, deve necessariamente conoscere le probabilità di incorrere in tassi di crescita molto bassi o molto elevati. Ma quest’informazione non viene rivelata.

Alcuni sondaggi condotti sulle previsioni, riportano la distribuzione dei vari analisti presi in considerazione. Tramite questi sondaggi, si è osservato che il valore medio delle previsioni di 20 analisti diversi è pari al 2,8%,  il valore più elevato al 3,2%, mentre il più basso è al di sotto del 2,5%. Se da un lato si tratta senza dubbio di informazioni utili, dall’altro non vi è alcun riferimento alla probabilità che la crescita possa, alla fin fine, essere inferiore all’1% o persino inferiore a 0.

Gli ultimi dati sull’economia statunitense sembrano confermare la probabilità di una fase di declino nei prossimi dodici mesi. La ragione principale di questa prospettiva pessimistica è data dai piani di incentivi del governo che, pur avendo contribuito all’aumento della spesa pubblica nell’estate del 2009,  stanno ora portando, con la loro scadenza, ad una riduzione della spesa pubblica.

I piani di incentivi non sono riusciti ad assicurare il rilancio dell’economia, come pianificato. Se da un lato sono stati in grado di innescare il processo di ripresa, dall’altro il processo si è fermato lì. Le agevolazioni fiscali per l’acquisto delle automobili ne sono un esempio, in quanto hanno senza dubbio determinato un aumento del PIL nel terzo quadrimestre del 2009, di cui i due terzi dovuti alla produzione di autovetture, ma adesso, con la loro scadenza, hanno comportato una riduzione sia del livello delle vendite che della produzione. Un recente sondaggio condotto sui consumatori ha registrato il più basso livello di intenzioni di acquisto di auto degli ultimi 40 anni.

Sebbene la crescita su base annuale del PIL sia stata del 3% nel primo quadrimestre dell’anno, la crescita totale ha rivelato tuttavia un accumulo di inventario, parte del quale dovuto a un livello deludente di vendite. Senza considerare l’accumulo di inventario, la crescita del primo quadrimestre delle vendite finali su base annuale era pari allo 0,8%, e allo 0,2% rispetto al quarto quadrimestre del 2009.

Il secondo quadrimestre ha beneficiato di un’impennata dell’acquisto di immobili grazie alle agevolazioni fiscali a favore degli acquirenti, con scadenza lo scorso aprile. Ma cosa succederà nel terzo quadrimestre e nel periodo successivo ora che il piano è giunto al termine?

Se da un lato sembra troppo avventato al momento parlare di una seconda recessione per i prossimi mesi, molti di noi vedono comunque sempre più probabile una fase discendente. Purtroppo questo tipo di previsioni non vengono rese note.

  • Contact us to secure rights

     

  • Hide Comments Hide Comments Read Comments (0)

    Please login or register to post a comment

    Featured