Monday, November 24, 2014
3

Tecnologia e disuguaglianza

CAMBRIDGE – Finora l’inesorabile marcia della tecnologia e della globalizzazione si è schierata soprattutto dalla parte dei lavoratori altamente specializzati, contribuendo ad alimentare, in tutto il mondo, grandissimi livelli di disuguaglianza in termini di reddito e ricchezza. Alla fine ci troveremo forse di fronte a nuova guerra di classe, con governi populisti al potere, che estenderanno i limiti della ridistribuzione dei redditi e affermeranno un maggiore controllo dello stato sulla vita economica?

La disuguaglianza dei redditi è senza dubbio la maggiore minaccia per la stabilità sociale di tutto il mondo, sia che si tratti di Stati Uniti, periferia europea o Cina. Eppure ci si dimentica con troppa facilità che le forze di mercato, se messe in gioco, potrebbero esercitare un ruolo stabilizzante. In parole povere, maggiore è il premio riservato ai lavoratori altamente specializzati, minore è la volontà di puntare sul loro talento.

Il mondo degli scacchi, che ben conosco, illustra perfettamente in che modo nei prossimi decenni l’innovazione sortirà un effetto del tutto diverso sui salari rispetto alle tre decadi passate.

Tra la fine del diciottesimo secolo e l’inizio del diciannovesimo un “automa” in grado di giocare brillantemente a scacchi si esibì nelle capitali di tutto il mondo. Il “Turco” vinse a scacchi contro Napoleone e Benjamin Franklin, mentre le grandi menti si sforzavano di carpirne i segreti. Ci vollero decenni per scoprire come funzionasse davvero il Turco: era azionato all’interno da un giocatore umano che si occultava abilmente dietro un impressionante labirinto di ingranaggi, spostandosi a destra o sinistra a seconda dello sportello che veniva aperto.

Oggi l’imbroglio assume tutt’altra forma: le macchine in grado di giocare a scacchi fingono di essere umani che giocano a scacchi. I programmi di scacchi per computer hanno notevolmente superato nell’ultimo decennio i migliori giocatori “umani”, e gli imbrogli sono all’ordine del giorno. La federazione francese degli scacchi ha recentemente sospeso tre dei suoi migliori giocatori per aver cercato di ottenere assistenza via computer. (È interessante notare come uno dei modi per svelare gli imbrogli sia quello di utilizzare un programma informatico in grado di rilevare se le mosse del giocatore corrispondano alle scelte preferite di alcuni importanti programmi informatici).

Ovviamente, esistono numerosi esempi di attività che si pensava fossero di esclusivo dominio dell’intuito umano, e che i computer hanno finito per dominare. Ora sempre più insegnanti e scuole utilizzano programmi informatici per la scansione dei compiti, al fine di verificare eventuali casi di plagio, una vecchia pratica fraudolenta resa del tutto semplice da Internet. In realtà, la valutazione degli elaborati degli studenti via computer è una tecnica sempre più diffusa; secondo alcuni studi, questo tipo di valutazioni sono più eque, coerenti e informative di quelle di un insegnante medio, ma non necessariamente di quelle di un docente eccelso.

Gli esperti sistemi informatici stanno guadagnando terreno anche in settori quali medicina, giurisprudenza, finanza ed entertainment. Considerando questi sviluppi, c’è ragione di credere che alla fine l’innovazione tecnologica condurrà alla mercificazione di numerose competenze che ora sembrano preziose e uniche.

In passato, io e un collega di Harvard Kenneth Froot abbiamo condotto uno studio sui movimenti dei prezzi di una serie di beni in un lasso di tempo di 700 anni. Con nostra sorpresa, abbiamo riscontrato che i prezzi di cereali, metalli e molti altri prodotti di base tendevano a ritornare a un valore medio per periodi sufficientemente lunghi. Ipotizzammo che, per quanto le scoperte casuali, gli eventi climatici e le tecnologie potessero seriamente spostare i valori per alcuni periodi, i corrispondenti differenziali dei prezzi potessero dare agli innovatori l’incentivo a concentrarsi maggiormente sui prezzi dei beni che erano cresciuti vertiginosamente.

Le persone, si sa, non sono oggetti, ma il principio resta. Man mano che i lavoratori specializzati diverranno sempre più costosi rispetto alla manodopera non specializzata, le aziende e le imprese saranno sempre più motivate a “mischiare le carte” ricorrendo a dei sostituti ed eludere così i prezzi alti. Il cambiamento potrebbe richiedere diversi decenni, ma potrebbe sopraggiungere come maggiore rapidità rispetto al momento in cui l’intelligenza artificiale alimenterà la prossima ondata di innovazione.

Forse i lavoratori specializzati cercheranno di unirsi per promuovere leggi e regolamenti che ostacolino le aziende intente a rendere obsoleti i loro lavori. Ma se il sistema di trading globale resterà aperto alla competizione, l’abilità dei lavoratori specializzati di prevenire l’uso della tecnologia per risparmiare sulla manodopera potrebbe risultare forse leggermente più efficace dei tentativi fatti in passato dai lavoratori non specializzati.

La prossima generazione di evoluzioni tecnologiche potrebbe altresì promuovere una maggiore uguaglianza di reddito livellando il campo dell’istruzione. Attualmente, le risorse per l’istruzione – soprattutto quelle relative all’istruzione terziaria (università) – sono gravemente ridotte nei paesi poveri rispetto ai paesi ricchi, e Internet e i computer hanno inasprito le differenze.

Ma le cose non devono per forza andare in questo modo. Un maggiore livello di istruzione alla fine sarà sicuramente colpito dalla stessa ondata di tecnologia che ha travolto tra gli altri il settore delle auto e dei media. Se la mercificazione dell’istruzione si estendesse alla fine almeno ai corsi del college di livello inferiore, l’impatto sulla disuguaglianza di reddito potrebbe essere profonda.

Molti osservatori sembrano credere che il crescente divario tra ricchi e poveri sia l’inevitabile conseguenza della crescente globalizzazione e della tecnologia. Secondo la loro visione, i governi dovranno intervenire radicalmente sui mercati per ripristinare il bilancio sociale.

Non sono d’accordo. Certo, abbiamo bisogno di sistemi fiscali autenticamente progressivi, nel rispetto dei diritti dei lavoratori, e di generose politiche di sviluppo da parte dei paesi ricchi. Ma il passato non è necessariamente un prologo: considerata la notevole flessibilità delle forze di mercato, sarebbe insensato, se non pericoloso, dedurre la crescente disuguaglianza di reddito nei prossimi decenni estrapolando i recenti trend.

  • Contact us to secure rights

     

  • Hide Comments Hide Comments Read Comments (3)

    Please login or register to post a comment

    1. CommentedStamatis Kavvadias

      Amazing. Does this person ever think straight? Does he ...engineer all his opinions?

      "[...]market forces, if allowed to play out, might eventually exert a stabilizing role."

      ??? What is this? Is this guy blind to modern economics? Is he aware of Dr. Stiglitz PhD? "If allowed to play out"??? Whenever there is asymmetry of information --that is always-- markets are imperfect (I suppose, we do not know how imperfect: for all we know, they could lead to the worst possible outcome for the largest proportion of the population!).

      "[...] the greater the premium for highly skilled workers, the greater the incentive to find ways to economize on employing their talents."

      This sounds like ...letting employers "innovate" on how to prohibit technological innovation, since this is the basic engine of highly skilled employment creation. Alternatively, it could mean, allowing employers to "innovate" on ways in which payment of highly skilled workers will stagnate. That is exactly what happened with the US middle class.

      Is there any other way? Does prof. Rogoff agree to allow market forces "to economize on employing skilled workers' talents," but prohibit the previous two choices? Unless, we have to trust the markets to bring about yet another crisis?

      Maybe, the point of prof. Rogoff is exactly to let employers try to stagnate highly skilled worker income, and see if such workers will create firms to sell their skills in organized ways. This way, markets will be created (among these new firms) -- the dream of every economist, which will lead to the "best" price for highly skilled labor.

      If only we could find ways to automate the work of highly skilled financiers.... Their work is such a long way of producing any benefit for society (in fact the opposite is exaggerated because of the financial crisis), and they are extracting huge rents from the economy with their bonuses. Ah! And neither before nor after the crisis, did I see any result from the "incentive to find ways to economize on employing their talents"!!!

      Yes, there can be technological innovation that further pushes the boundary of skill required to have a job, rendering large sectors of knowledge subject to automated procedures and further levels of peoples' skills useless. Automated software production, can and will leave large numbers of plain web and application programmers without a use for their skills and, of course, without a job. This will save some of the need to employ skilled workers. But, such "savings" will always come from the bottom of the scale of skills.

      The only case when automation will be able to "save" humanity from most of skilled labor, will be when technological innovation stops and new knowledge becomes mostly the work of computers scanning big data. At that point, knowledge increase will pause, and automation will eventually catch up with all knowledge before that time. There are no signs of a slowdown in knowledge increase. Still, this could come in the form of diminishing returns from new knowledge. There are no broad signs of that either.

    2. CommentedMukesh Adenwala

      I found this argument to be evolutionary in nature. Indeed the life will assert itself and will become increasingly efficient over time. Automatism has higher appeal than systems requiring human interventions, which are bound to be imperfect. Economics is indeed one example where markets are preferred as organizing agents than governments. However, when we talk of human societies we forget that extinction, which is one of the necessary ingredients and outcomes of automated systems is not an option, and ways have to be find to a ensure smoother ride to a future about which we know almost nothing with any degree of certainty.

    3. CommentedShane Beck

      Too many variables in this skilled worker versus machine contest- price of education for skilled worker, cost and lifespan of technology including planned obsolsence, the fact that current globalization is planned this way to favor the elites whose skills cannot be transferred overseas- the politicians, the lawyers the bureaucrats, the security complex etc. Spain and Greece provide a test laboratory in which the variable of high unemployment will be tested against the stability of the state

    Featured