0

La rinuncia dell’America al libero scambio

NEW YORK – L’indifferenza e l’apatia di Washington, da parte del Congresso e del Presidente Barack Obama, verso i negoziati del Doha Round, così come l’allarme e la preoccupazione negli altri paesi da parte dei leader di stato per la fiacchezza delle trattative, segnano la fine dell’era post-1945 di leadership americana sul libero scambio multilaterale.

Per quasi un anno ci sono stati segnali evidenti di ansia al di fuori degli Stati Uniti. Il Cancelliere tedesco Angela Merkel ed il Primo Ministro britannico David Cameron sono arrivati addirittura ad appoggiare il Presidente turco Abdullah Gül ed il Presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono nella decisione di nominare me e Peter Sutherland come co-presidenti dell’High-Level Trade Experts Group nel novembre del 2010. A gennaio 2011 si è tenuto un prestigioso panel con questi stessi leader in occasione del quale, durante la presentazione del nostro Interim Report, abbiamo sostenuto in modo incondizionato la necessità di concludere le negoziazioni di Doha. Non abbiamo tuttavia mai ricevuto risposta dal governo statunitense.